Il Libro Tibetano dei Morti

LIBRO TIBETANO 500

Il Bardo Thodol noto nei paesi occidentali come Libro tibetano dei morti, è un testo classico del Buddismo tibetano.
Il testo descrive le esperienze che l’anima cosciente vive dopo la morte, o meglio nell’intervallo di tempo che, secondo la cultura buddhista, sta tra la morte e la rinascita. Questo intervallo si chiama, in tibetano bardo. Il libro include
anche capitoli riguardanti i simboli di morte, i rituali da intraprendere quando la morte si avvicina, o quando ormai
è avvenuta. Nella tradizione il Bardo Thodol viene recitato presso il corpo del morto (o del morente) in un periodo
di tempo dopo la morte in cui si ritiene che possa ancora essere ricettivo, per rammentare la dottrina del vuoto ed
aiutarne lo “spirito” ad evitare il ciclo di rinascita. Nel libro si ripercorrono tre fasi nelle quali progressivamente ed
in seguito al possibile fallimento nella fase che precede.

1) si cerca di favorire lo scioglimento dello spirito nel nirvana.
2) si aiuta ad identificare lo spirito con le “divinità” del piano di cofruizione intermedio tra l’ingresso nel nirvana e
la ricaduta nel ciclo di rinascite. Di tale piano sono caratteristici i Cinque Buddha spesso raffigurati nei Mandala.
3) si tenta di evitare la ricaduta nel ciclo di rinascite.
Edizione italiana curata da Paola Agnolucci

IL LIBRO TIBETANODEI MORTI
Il Manoscritto del Bardo Thodol

Harmakis Edizioni
MAGGIO 2016
Collana: Saggi
Formato: 150 x 210
Confezione: Brossura
Pagine: 128
Prezzo: 13,00
ISBN 978-88-98301-50-8

Harmakis Edizioni

Iscriviti al Sito

Iscriviti al sito per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Unisciti a 13 altri iscritti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: